1 anno e 100 mila morti dopo, quale è il vostro ricordo


Esattamente un anno fa l'Italia fu colpita dalla notizia che l'allora poco famoso e minaccioso virus del covid 19 era giunto sino a noi.
Quello che sarebbe passato alla storia come il paziente 0 occidentale fu il protagonista delle cronache del 20 febbraio 2020.
Una data che non dimenticheremo mai noi italiani, e non solo per la presenza di soli 2 e 0 nella sequenza di otto cifre che compongono quella data, ma perchè avrebbe coinciso con l'inizio dell'incubo coronavirus.
1 anno dopo e quasi 100000 morti dopo l'italia, ed il mondo, si svegliano come un paese profondamente ferito, profondamente mutato.
Primo paese al mondo a provare l'esperienza traumatica del lockdown, primo paese europeo ad accorgersi di quanto fosse disastroso l'impatto che questo virus potesse avere sulla salute, sulla socialità e sull'economia del paese.
Il paziente 0 di Codogno sarà per sempre ricordato come un ragazzo atletico e in salute che per settimane ha lottato tra la vita e la morte, facendoci capire quanto quel virus potesse essere pericoloso.
Abbiamo perso tanti anziani, custodi della memoria del nostro tempo, nonni affettuosi, mariti e mogli devote, pensionati che aiutavano figli e nipoti a fronteggiare qualsiasi emergenza economica e qualsiasi lite domestica, coi loro risparmi e la loro saggezza.
Nel frattempo è cambiato un governo, un'olimpiade è stata rinviata, gli stadi son chiusi, i concerti rinviati, i cinema un ricordo, i locali un lusso.
Ma allora non tutti avevamo fiutato il pericolo.
Ricordo l'enorme sottovalutazione e la sensazione che quel virus venuto dalla Cina fosse solo un esotico problemuccio da derubricare come fenomeno transitorio e innocuo.
Ed ecco che oggi vi voglio chiedere se e quanto quell'esperienza vi ha cambiato ma soprattutto vorrei chiedervi quale fu la vostra risposta immediata alla notizia che quel virus era arrivato tra noi?
Preoccupazione?
Indifferenza?
Panico?
Terrore?
Sottovalutazione?
Serenità?

Mi farebbe piacere sentire il vostro ricordo di quel momento lontano 12 mesi.
Buona giornata

image.png

  • ENG

Exactly one year ago, Italy was hit by the news that the then little-known and threatening covid 19 virus had reached us.
What would go down in history as Western Patient 0 was the protagonist of the news on February 20, 2020.
A date that we Italians will never forget, and not only for the presence of only 2 and 0 in the sequence of eight digits that make up that date, but because it would coincide with the beginning of the coronavirus nightmare.
1 year later and almost 100000 dead after Italy, and the world, woke up as a country deeply wounded, deeply changed.
It was the first country in the world to experience the traumatic lockdown, the first European country to realize how disastrous was the impact that this virus could have on health, society and economy of the country.
Patient 0 from Codogno will forever be remembered as an athletic, healthy boy who for weeks struggled between life and death, making us realize how dangerous that virus could be.
We have lost many elderly people, custodians of the memory of our time, loving grandparents, devoted husbands and wives, retirees who helped their children and grandchildren to face any economic emergency and any domestic dispute, with their savings and their wisdom.
In the meantime a government has changed, an Olympics has been postponed, stadiums are closed, concerts postponed, cinemas a memory, clubs a luxury.
But at the time not all of us smelled the danger.
I remember the enormous underestimation and the feeling that that virus coming from China was just an exotic little problem to be treated as a transitory and harmless phenomenon.
Today I would like to ask you if and how much that experience changed you, but above all I would like to ask you what was your immediate response to the news that the virus had arrived among us?
Concern?
Indifference?
Panic?
Terror?
Underestimation?
Serenity?

I would love to hear your recollection of that moment 12 months away.
Have a nice day


Comments 1


Bellissimo questo post!! Io pensai che nel giro di un mese ne saremmo usciti fuori... mi sbagliai di molto! Per ció che riguarda le regole da rispettare ero più avanti di quelle del Governo... Non rispettai le regole imposte inizialmente, perchè rispettai le regole che mi disse la nostra amica cinese, e le sue regole erano più rigide e più valide (visto che erano già state testate in Cina)

20.02.2021 20:23
0