Decentralized Social Media: Classifying Sites In Five Categories



 La censura dei social media è diventata un problema urgente nel mondo delle criptovalute. La scorsa settimana, YouTube ha vietato diversi canali relativi alle criptovalute. Sebbene il sito abbia prontamente annullato la sua decisione, altre società applicano ancora politiche severe. Twitter ha presumibilmente vietato gli account relativi alle criptovalute, mentre WeChat in Cina ha vietato alcune transazioni crittografiche .Naturalmente, il problema va oltre la criptovaluta. I siti di social media hanno preso di mira utenti in tutto lo spettro politico. Alte divieti di questo profilo sono interessati sinistra - ala, destra e internazionali gruppi simili. Anche gli utenti che ritengono che alcuni contenuti debbano essere vietati potrebbero trovarsi dalla parte sbagliata di una politica di superamento.Il risultato è che molte piattaforme decentralizzate mirano a riformare i social media dal suo stato attuale. L'anti-censura è solo una parte di questa tendenza: alcuni progetti mirano a una moderazione più aperta, mentre altri mirano a una migliore distribuzione delle entrate. Tenendo presente ciò, le piattaforme possono essere classificate in almeno cinque categorie, come segue.

1. Piattaforme centralizzate

Innanzitutto, è importante considerare come funzionano le piattaforme di social media centralizzate. Google, che possiede YouTube, gestisce diversi data center , ognuno dei quali ospita migliaia di server. Facebook fa lo stesso . Twitter si affida al cloud storage di terze parti e ai data center, ma ogni azienda ha il controllo diretto su dati e account.Allo stesso tempo, i siti centralizzati possono rinviare un po 'di controllo agli utenti. Reddit, Disqus e Discord si basano su server di proprietà centralizzata e regole a livello di piattaforma, ma consentono anche alle comunità di autodidattarsi. Non è chiaro se queste aziende abbiano un tocco più leggero, ma condividano le qualità con i social network federati (discussi di seguito).Inoltre, alcuni social network centralizzati hanno un'infrastruttura semi-distribuita. Telegram ospita i suoi server in diverse giurisdizioni legali e il suo modello di crittografia gli impedisce di censurare le chat private. Tuttavia, Telegram può vietare i canali pubblici e, sebbene riguardi principalmente i contenuti ISIS, in teoria potrebbe chiudere qualsiasi canale.

2. Social network basati su Blockchain

Alcuni social network stanno diventando blockchain per il decentramento. Gli utenti inviano messaggi e una rete distribuita scrive tali informazioni in una transazione blockchain in modo permanente. Questo processo in genere consente anche suggerimenti e pagamenti crittografici. Il Memo.cash simile a Twitter , il sito di blog Steem e il sito multimediale LBRY rientrano in questa categoria.Sfortunatamente, le blockchain non sono scalabili per l'archiviazione di dati di massa, quindi alcuni social network integrati con blockchain si basano su altri sistemi. Peepeth, DTube e SocialX memorizzano dati minimi sulle blockchain scelte. Al contrario, si basano principalmente su IPFS per l'archiviazione dei dati , che è più veloce, ma meno permanente , dell'archiviazione basata su blockchain.I social network basati su Blockchain possono anche utilizzare BitTorrent. DLive, un servizio di streaming, ha annunciato l'intenzione di unirsi a TRON e BitTorrent questa settimana. Twister, un social network self-hosted, si basa su una blockchain basata su Bitcoin e BitTorrent. È anche possibile utilizzare solo una di queste tecnologie: BitChute si basa sul torrenting, ma non sulla blockchain.Tutti e tre gli approcci hanno un punto di centralizzazione: front-end che possono scegliere di mostrare o nascondere i contenuti. Ad esempio, Peepeth non elimina i dati, ma modera esplicitamente i contenuti sul proprio sito Web. Poiché la maggior parte degli utenti non si rivolge a front-end alternativi, in alcuni casi un singolo sito può effettivamente censurare i contenuti per il grande pubblico.

3. Transazioni decentralizzate

Molti nuovi social network integrano i pagamenti in criptovaluta, che possono risolvere il problema della demonetizzazione : possono compensare gli utenti che non sono stati banditi, ma che non possono ricevere finanziamenti. Mentre YouTube e Patreon possono impedire agli utenti di ricevere entrate pubblicitarie e donazioni, la criptovaluta è relativamente inarrestabile, a parte KYC .Ad esempio, le piattaforme di blogging crittografate Minds e Publish0x ospitano i loro contenuti centralmente e hanno il controllo su tali contenuti, ma pagano token ERC-20 basati su Ethereum . La bobina è simile, ma paga XRP tramite Interledger. Anche la rete vocale di Block.one seguirà inizialmente questo modello, sebbene possa passare a un modello di contenuto decentralizzato.È anche possibile integrare i premi crittografici con i social network tradizionali tramite un plug-in del browser. Il token di attenzione di base di Brave è stato collegato a sette social network: YouTube, Reddit, GitHub, Twitter, Reddit, Vimeo e Soundcloud. Sebbene Brave richieda KYC per i prelievi, le BAT possono circolare liberamente all'interno dell'ecosistema Brave.

4. Social network federati

Alcuni social network decentralizzati non si basano su una blockchain. Il Mastodon simile a Twitter, il sito di video Peertube e altri progetti Fediverse adottano questo approccio. Consentono agli utenti di creare "istanze" gestite da server che memorizzano solo i propri dati. Ogni istanza può applicare le proprie regole di moderazione e bloccare altre istanze.Il risultato è un sistema politicamente complesso. Mastodon e gran parte del Fediverse hanno guadagnato una reputazione di sinistra mentre molti dei loro concorrenti tendono ad essere di destra. Tuttavia, la rete di destra Gab ha deciso di unirsi a Mastodon , cosa che Mastodon non può impedire. Può solo denunciare Gab e incoraggiare le istanze a bloccarlo.Fediverse è anche altamente interoperabile. Mastodon e altre app Fediverse funzionano con un protocollo chiamato ActivityPub, che consente alle piattaforme membro di comunicare tra loro. Alcuni hanno notato che i piani di Twitter per un protocollo di social media decentralizzato sono molto simili . Esistono anche altri standard correlati, come OStatus .

5. Reti sociali autogestite

Alcuni social network decentralizzati sono progetti molto modesti; possono essere ospitati autonomamente e amministrati da un singolo utente. I progetti che rientrano in questa categoria includono Ethertweet, Newebe, Twister, pump.io e Libertree. È anche possibile per un singolo utente creare un'istanza Fediverse, quindi anche le piattaforme federate rientrano probabilmente in questa categoria.Questi social network hanno una caratteristica importante: il massimo controllo per l'individuo. Sono praticamente non censurabili, senza condizioni d'uso, a meno che le forze dell'ordine non decidano di intervenire. Il rovescio della medaglia è che i social network autogestiti hanno una barriera abbastanza elevata all'accesso in termini di installazione, con conseguente riduzione del numero di utenti e piccole reti.

Di fronte alla concorrenza

Ogni stile di social network decentralizzato ha il suo vantaggio. Le reti basate su blockchain offrono una soluzione ai divieti e alla cancellazione dei contenuti, mentre i pagamenti crittografici offrono una soluzione alla demonetizzazione. I social network federati e autogestiti, nel frattempo, danno alle comunità e agli individui il controllo sui contenuti e sulla moderazione.Sfortunatamente, tutte queste piattaforme di social media alternative probabilmente troveranno difficile ottenere trazione. I social network - in particolare Twitter-come piattaforme di discussione - bisogno un sacco di utenti di prosperare. I social network orientati ai video e allo streaming potrebbero non aver bisogno di tanta adozione, supponendo che vengano utilizzati per l'archiviazione dei contenuti piuttosto che per il networking.I numeri sono certamente a favore delle piattaforme tradizionali. Facebook e YouTube attirano circa 2 miliardi di utenti attivi al mese, mentre Twitter attira circa 330 milioni di utenti attivi al mese. Mastodon, probabilmente il social network decentralizzato più noto, ha 1,3 milioni di utenti attivi . In breve, le piattaforme alternative hanno ancora molta strada da fare. 


Article by Mike Dalton


Source: https://cryptobriefing.co


Comments 1