Il rompicapo EstMed e la disunità europea


turchia.jpg
L'immagine è tratta da pixabay ed è liberamente utilizzabile

E' di ieri sera la notizia che durante un bombardamento russo-siriano nella provincia siriana di Idlib sono morti almeno trentatre soldati dell'esercito turco. La guerra siriana - che dura da ben nove anni e che sembrava andare verso la sua conclusione - vede dunque aprirsi un nuovo capitolo che potrebbe essere particolarmente pericoloso.

Proviamo sommariamente a ripercorrere le sue fasi più salienti. Circa nove anni fa esplosero violente proteste armate contro il regime di Damasco e che coinvolsero buona parte del paese. Quasi immediatamente queste proteste vennero egemonizzate da gruppi integralisti islamici anche riconducibili ad al Qaeda e appoggiati oltretutto dalle petromonarchie del golfo persico e dalla Turchia. Da notare che molti analisti videro dietro questi gruppi anche la longa manus dei servizi segreti americani e occidentali, cosa peraltro dimostrata anche dalle presenza, nei territori ribelli, di truppe speciali dei paesi occidentali.

La bilancia di questo conflitto sanguinosissimo e dai contorni incerti iniziò a pendere a favore del regime di Assad dopo l'intervento diretto russo che, con massicci bombardamenti aerei sbaragliò, le milizie ribelli appoggiate da emiri, turchi e occidentali.

E così siamo arrivati fino ai giorni nostri con la battaglia per la liberazione di Idlib, una delle ultime provincie siriane controllate dai ribelli islamici peraltro appoggiati dai turchi anche con l'intervento diretto di sue truppe sul campo. Con la strage di ieri sera si rischia una nuova recrudescenza. Infatti i turchi oltre ad aver richiesto l'intervento della Nato hanno deciso di non bloccare più i profughi siriani desiderosi di andare in Europa: questo come strumento di pressione per ottenere l'appoggio dell'Europa. Rischia dunque di riaprirsi la cosiddetta rotta migratoria balcanica che va dalla Turchia, alla Grecia per approdare nel centro europa attraversando i balcani.

Ed è qui che si vede per l'ennesima volta la disunità europea: se i paesi del centroeuropa come la Germania sono sicuramente meglio disposti a dare qualche forma di appoggio alla Turchia pur di evitare una nuova ondata migratoria dalla Siria, dall'altro lato è molto improbabile che Francia, Italia e Grecia possano essere favorevoli. Infatti questi ultimi paesi sono in conflitto diplomatico con la Turchia per il controllo dei giacimenti di gas nell'EstMed (Mediterraneo dell'Est).

Una crisi questa che dunque rischia di mettere per l'ennesima volta a dura prova la tenuta dell'Unione Europea.


Comments 4



Questo post è stato condiviso e votato all'interno del discord del team curatori di discovery-it Entra nella nostra community! hive-193212
This post was shared and voted inside the discord by the curators team of discovery-it. Join our community! hive-193212


28.02.2020 10:24
0

La Turchia è una mina vagante, credo che l'unica strada per l'europa sia, il prima possibile, chiudere totalmente le frontiere con la Turchia e un embargo economico totale.

28.02.2020 10:42
0

Purtroppo non è fattibile. Le banche europee hanno investito centinaia di miliardi nell'economia turca...si esporrebbero a perdite tremende.

28.02.2020 10:54
0

Francamente non vedo per quale motivo la Turchia debba entrare in Europa, per altro con i vulnus interni che riguardano le donne, sembra di guardare il medio evo. Chiaramente la Germania ha degli interessi, viceversa della cosa manco si parlava. I turchi ora tirano fuori la minaccia delle rotte balcaniche, altro motivo per negargli lo status europeo.

28.02.2020 12:57
0