The death and the fairy tales/La morte e le favole


[ENG]

A very particular title for this post, but we will get there soon.
In the past days, I had a death in my family, and it was inevitable for me to reflect on death and all the pain that causes.
However, I reached a certain strength of mind in my life that makes me less scared of death.
After all, I’m living the life I want to live, I got the most important thing I could have and I’m finally grateful and aware of it.
I’ve been such a lucky person in my life, I am loved from the people who matter the most to me, I have an enviable relationship with my mother and sister, I’m in love and I’m loved back from my partner. I’m loved from my friends and the rest of my family and every single day I receive affection and demonstration of infinite love.

Infinite, I said.

The wonderful thing about love is that it does not really die with us.


img123_LI (3).jpg

We are fragile, tiny, and we are born knowing we are going to die one day. But love stays there, it keeps writing its story and it spreads among the generations. For example, I never met my maternal grandfather, but he was so loved and exceptional that, I can assure you, it is as if I know him by heart. I always felt him close, helping me in the hard moments of my life, being the good example to follow and the person I want to become. He taught me his values through my mom and the people of my village, who told me many stories about him. I admired his virtues and even laughed of his funny flaws.

That is why I wonder: What is the power of death, after all? Does it even stop us from being the person we have always been? Does it stop us from being loved and known by our grandchildren?

Words have a great power. They nourish and grow us. They make us better humans, able to change the world. I strongly believe that we managed to improve ourselves over the centuries thanks to the stories we told.

5.jpg


In the next posts I would like to share with you a project I truly loved, created by a librarian friend who involved me in his idea as an illustrator. It’s about a series of short fairy tales, written by the children of his school library, on the topic of death. You will be delighted by the unlimited creativity of these kids, and their ability to talk about such a big and delicate topic in surprising ways.

[ITA]

Un titolo un po’ particolare per questo post, ma ora ci arriviamo.
Nei giorni appena passati ho purtroppo avuto un lutto in famiglia ed è stato inevitabile fermarsi a riflettere sulla morte e su tutto il dolore che provoca.
Nella mia vita però, sembro essere arrivata a un punto di forza d’animo tale che mi permette di non essere più spaventata dalla morte come lo ero una volta.
In fondo sto vivendo la vita che voglio, ho la cosa più importante e ne sono finalmente consapevole: ho l’amore.
Sono stata così fortunata nella mia vita da essere amata dalle persone davvero importanti, da avere un rapporto invidiabile con mia madre e mia sorella e di essere innamorata e ricambiata dal mio compagno. Sono amata dagli amici e dal resto della mia famiglia e ricevo continuamente affetto e dimostrazioni d’amore infinito.

Appunto: infinito.

La cosa bella dell’amore è che non muore con noi.

img123_LI (3).jpg

Noi siamo fragili, piccoli e nasciamo sapendo che un giorno qualunque moriremo. Ma l’amore resta, continua a scrivere la sua storia e a diffondersi tra le generazioni. Io ad esempio non ho mai conosciuto il mio nonno materno, ma era una persona talmente eccezionale e amata da tutti che, vi assicuro, è come se lo avessi conosciuto. L’ho sentito sempre vicino a me, ad aiutarmi nei momenti difficili, a farmi d’esempio per la persona che vorrei essere. Mi ha insegnato i suoi valori attraverso mia madre e le persone del paese in cui vivo che mi hanno sempre raccontato tanti aneddoti. Ho ammirato i suoi pregi e addirittura ho riso dei suoi difetti.

Per questo mi chiedo: la morte, in fondo, che potere ha? Ci impedisce forse di continuare ad essere le persone che siamo state? Ci impedisce forse di essere conosciuti e amati dai nostri nipoti?

Le parole hanno un potere grandissimo. Ci nutrono e ci accrescono. Ci rendono migliori e ci portano a cambiare il mondo. Sono fermamente convinta che sia grazie alle storie che nei secoli ci siamo migliorati.

5.jpg


Nei prossimi post vorrei raccontarvi di un progetto che ho amato tanto, ideato da un amico bibliotecario che mi ha coinvolta come illustratrice. Si tratta appunto di una serie di racconti, scritti dai bambini della sua biblioteca, sul tema della morte. Resterete estasiati dalla creatività sfrenata dei bambini e dalla loro capacità di trattare un tema così grande in modi così sorprendenti.


Ogni disegno presente in questa pagina è mio e personale
All the drawings in this page are mine and personal


Comments 7


https://cdn.steemitimages.com/DQmdrHQcMGG46WWXoPaemMHqn3aioRw6WKo2FCxDvzwdhD9/discovery-c2_transparent.pngQuesto post è stato selezionato, votato e condiviso dal team curatori di discovery-it in collaborazione con la community di C-Squared Curation Collective. Puoi utilizzare il tag #discovery-it per rendere i tuoi post di facile reperibilità agli occhi dei curatori. Ti invitiamo inoltre a votare @c-squared come witness per supportare questo progetto.

This post was selected, voted and shared by the discovery-it curation team in collaboration with the C-Squared Curation Collective. You can use the #Discovery-it tag to make your posts easy to find in the eyes of the curator. We also encourage you to vote @c-squared as a witness to support this project.

09.10.2019 17:45
0

Con tutti questi disegni carini io ancora non ti seguivo? Shame on me!!

Posted using Partiko Android

09.10.2019 21:38
0

Grazie mille ^_^ Sono arrivata su steemit da poco

10.10.2019 20:26
0

hai toccato un tema delicatissimo...io oggi non sono più spaventata perchè nel caso dei miei genitori la morte è stata liberatoria...erano amati da tutti...ma a me mancano tantissimo anche se ho avuto la fortuna di averli fino a 26 anni....ho continuato da sola, perchè figlia unica ma sono fortemente disturbata da non averli più accanto perchè ho capito che si è davvero soli anche se i tuoi hanno fatto tanto bene....ho avuto problemi persino con mio zio....ti auguro ogni bene...non farci caso le esperienze sono personali....

10.10.2019 07:42
1

Sì, questo tema è estremamente delicato, e so di aver corso un rischio parlandone, perché purtroppo si rischia tanto di ferire chi ha delle ferite aperte e ci tengo a dire che non è assolutamente mia intenzione dare risposte, ma avevo voglia di esorcizzare il dolore e così ho cercato di farlo. Le esperienze sono personalissime. E le famiglie sono complicate. Ti ringrazio tantissimo per il tuo augurio e da parte mia ti auguro di trovare nella vita una sorella, un fratello, che ti stia accanto. Non per forza bisogna essere consanguinei per essere fratelli. Un abbraccio forte

10.10.2019 20:18
0

hai ragione...è vero ciò che scrivi e non ho minimamente pensato che tu volessi dare risposte...anzi grazie per aver condiviso l'esperienza...ti abbraccio forte anch'io

11.10.2019 11:28
0